Uncategorized

Quota 100

Come è noto il Presidente della Repubblica ha firmato il Decreto sul reddito di cittadinanza e pensioni. Alcune novità di rilievo sono emerse rispetto a quanto circolato in questi giorni, soprattutto per la scuola.

Alla vigilia della riapertura dei termini di pensionamento che dovrà consentire ai docenti e agli assistenti tecnico-amministrativi di presentare domanda entro il 28 febbraio per uscire con 62 anni di età e 38 di contributi, il rischio di trovarsi dinanzi a una fuga di massa dalle aule appare reale.

A disciplinare termini e modalità della riapertura dei pensionamenti nella scuola sarà una circolare congiunta del ministero dell’Istruzione e dell’Inps. L’istituto nazionale di previdenza ha già preallertato le strutture territoriali in vista della mole di pratiche che si troveranno con tutta probabilità a gestire sin dalle prossime settimane.

La circolare Miur-Inps dovrà soprattutto illustrare la procedura da seguire: è molto probabile che il carico di lavoro supplementare gravi quasi per intero sulle segreterie scolastiche (con l’organico già ridotto ai minimi termini), che saranno infatti chiamate, in particolare, a verificare il possesso dei requisiti, gli eventuali servizi dichiarati, e a procedere alla ricostruzione di carriera (per i periodi in cattedra da “supplente”).

Il tema è seguito con molta attenzione da parte dei sindacati e dello Snals soprattutto per l’eventualità di iniziare il nuovo anno scolastico con un esercito di precari.

DECRETO REDDITO DI CITTADINANZA E PENSIONI

Soggiorni “Case del maestro” primavera 2019 (ex Enam)

L’INPS ha emanato per gli iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale (ex ENAM) il bando di concorso  per soggiorni nelle “Case del maestro” per la primavera 2019.

Il bando riguarda 526 soggiorni di 6 giorni (5 notti) dal 18 al 23 aprile 2019 nelle diverse case dell’istituto o convenzionate.

Le domande vanno presentate online sul sito INPS dalle ore 12 del 24 gennaio 2019 alle ore 12 del 12 febbraio 2019.

 

Permessi di studio 2019: Pubblicazione graduatorie provinciali provvisorie

Come previsto dall’art. 9 del predetto CIR, i reclami e le richieste di correzione di errori materiali, dovranno essere prodotti all’istituzione scolastica presso la quale la domanda è stata presentata, improrogabilmente entro 5 giorni dalla pubblicazione delle graduatorie provvisorie e pertanto entro il 19 gennaio 2019.

m_pi.AOODRVE.REGISTRO UFFICIALE(U).0000692.14-01-2019 BLUSP_gradDOC_provv

BLUSP_gradATA_provv